Agenzia Immobiliare Sant’Angelo

La Sant’Angelo Immobiliare dal 1970 è il più sicuro riferimento per le operazioni immobiliari nella città di Venezia.

In particolare offre la possibilità di reperire, vendere o affittare appartamenti di pregio, interi fabbricati, attività commerciali o fondi di negozio che soddisfino le più svariate esigenze.

La città di Venezia è stata per più di un millennio capitale della Repubblica di Venezia e conosciuta a questo riguardo come “la Serenissima“, la Dominante e “la Regina dell’Adriatico”. Questi appellativi erano opposti a “la Superba” o “la Dominante dei Mari”, riferiti alla repubblica marinara di Genova, principale concorrente e avversaria di Venezia.

Per le peculiarità urbanistiche e per il suo patrimonio artistico, Venezia è universalmente considerata una tra le più belle città del mondo ed è annoverata, assieme alla sua laguna, tra i patrimoni dell’umanità tutelati dall’UNESCO: questo fattore ha contribuito a farne la seconda città italiana dopo Roma con il più alto flusso turistico, in gran parte dall’estero.

Il territorio comunale si estende su buona parte della laguna di Venezia ma anche sulla terraferma circostante, comprendendo la vasta area metropolitana che ha per centro Mestre.

Venezia sorge sul livello del mare, in mezzo alla laguna omonima su un totale di 118 isolette consolidate grazie a palafitte e ad una copertura lapidea che ne ha permesso l’urbanizzazione. Alcune di queste isole sono raccolte in gruppi organici tra di loro mentre altre risultano invece più disperse.

La parte storica della città, posta al centro dell’omonima laguna, viene tradizionalmente suddivisa in sei sestieri: Dorsoduro, Santa Croce, San Polo, San Marco, Cannaregio e Castello. I sestieri della città antica si articolano intorno alla doppia ansa del Canal Grande, la via d’acqua principale da cui si snoda una fitta rete di circa 158 canali minori.

Tra le isole maggiori che contornano il nucleo storico e che fanno parte anch’esse del comune, si ricordano Murano, Burano celebri rispettivamente per la lavorazione del vetro e dei merletti, Torcello e la lunga e sottile isola del Lido con i suoi stabilimenti balneari.

Per quanto riguarda il rischio sismico, Venezia è classificata nella zona 4, ovvero a sismicità molto bassa.

fonte Wikipedia

La suddivisione cittadina in sestieri risale alle origini di Venezia; tra l’altro in città la numerazione civica è unica per ciascun sestiere, con alcune eccezioni per aree più grandi incluse in isole non collegate da ponti, e raggiunge numeri a quattro cifre (Castello raggiunge quasi i 7000). Questo particolare sistema di numerazione, unito alla naturale complessità della viabilità veneziana, porta ad avere talvolta due numeri civici molto diversi fra loro a poca distanza l’uno dall’altro.

I nomi tradizionali dei sestieri di Venezia sono:

  • Cannaregio, così denominato perché sviluppatosi in una zona paludosa ove erano frequenti i canneti;
  • Castello, ha preso il nome da un fortilizio ormai scomparso attorno a cui si è sviluppata l’area;
  • Dorsoduro, probabilmente il suo nome richiama le compatte dune di sabbia di questa zona;
  • Santa Croce, prende il nome dalla demolita chiesa di Santa Croce e comprende anche piazzale Roma, il Tronchetto e la Stazione Marittima.
  • San Marco, prende il nome dalla omonima basilica;
  • San Polo, prende il nome dalla chiesa di San Polo ed è al centro di Venezia: qui ha sede il mercato di Rialto.

Queste suddivisioni non esauriscono la zona storica costituente la città di Venezia. Le isole della Giudecca fanno parte di Dorsoduro, l’isola di San Giorgio Maggiore di S. Marco e l’isola di San Michele, sede del cimitero cittadino, di Castello.

Si parla di sestieri anche nelle isole di Burano e Pellestrina, sebbene abbiano rispettivamente cinque e quattro quartieri.